MAGNOLIA CAMPOBASSO, SI TORNA AL PALAVAZZIERI: LE ROSSOBLÙ ATTENDONO CIVITANOVA MARCHE

La terza gara del nuovo anno, la prima però sul parquet amico del PalaVazzieri. La Molisana Magnolia Campobasso – per il secondo turno di ritorno – è pronta ad affrontare la Fe.Ba. Civitanova Marche, quintetto (quello delle momò) affrontato e superato con uno scarto rilevante in occasione dell’andata lo scorso 6 ottobre.

INSIDIE RIVIERASCHE Da quel momento, il team rivierasco ha saputo crescere con forza centrando dei risultati importanti come le affermazioni interne su Ponte Buggianese ed Umbertide, ironia della sorte i due club che – sinora – hanno lasciato i #fioridacciaio con un referto giallo al termine del match.
«Le marchigiane – argomenta alla vigilia il trainer delle molisane Mimmo Sabatelli – giocano libere mentalmente e la serenità consente loro di creare più di una difficoltà soprattutto alle formazioni di alta classifica».

BAROMETRO ROSSOBLÙ Forti dei due exploit consecutivi ottenuti in esterna in quest’avvio di 2020, le magnolie arrivano alla contesa con grande determinazione e, al termine di una settimana di lavoro di assoluta applicazione, sono pronte a dare continuità alla loro serie. Tutto il gruppo rossoblù si è allenato agli ordini del coach Mimmo Sabatelli. In netta ripresa è la pivot (tra l’altro ex di giornata) Lucia Di Costanzo, che però anche in questa circostanza, come avvenuto sabato scorso a San Giovanni Valdarno, non sarà utilizzata a livello precauzionale.

SORRENTINO, MA NON SOLO Sull’altro fronte, con la lunga Giulia Gombac ancora indisponibile, le magnolie dovranno fare i conti con un elemento delle qualità di Giulia Sorrentino, sinora capace di 248 punti con quasi diciotto di media a partita, dettagli che ne fanno la top scorer, oltre che del girone Sud di A2, dell’intera cadetteria.
«Ma attenzione – avverte coach Sabatelli – anche a giocatrici del calibro di Ortolani e Bocola, capaci di dare sostanza all’attacco delle civitanovesi. Il loro è un organico molto giovane e, libere da condizionamenti, faranno di tutto per metterci in difficoltà».

FUORI DAL TUNNEL Del resto, per le magnolie, in due delle ultime tre uscite interne l’epilogo non è stato di quelli più desiderati.
«Non dobbiamo guardare al passato recente – spiega il tecnico delle campobassane – anche perché quelle battute d’arresto sono legate a motivazioni differenti. Quando è serena mentalmente, come avvenuto nelle ultime due gare, questa squadra è capace di fornire prestazioni di rilievo. Come ho detto alle ragazze, fondamentale è essere affamate ed avere la giusta cattiveria agonistica».

QUI ED ORA Per le magnolie, tra l’altro, l’unico pensiero attuale è quello legato all’incrocio con le marchigiane, senza alcuna proiezione sull’immediato o sul medio termine. «Per noi – aggiunge Sabatelli – l’attenzione deve essere su questo confronto. A quello che sarà inizieremo a pensare più in là».

VITALITÀ IN CONDOTTA Circa le modalità tattiche da adottare, invece, per l’allenatore delle campobassane la declinazione è ben precisa.
«Sarà una gara da affrontare al pari di quanto fatto nelle ultime giornate – chiosa – puntando ad avere ritmi alti sin dall’avvio».

OLTRE IL PARQUET Accanto all’appuntamento sul parquet, la gara con il Civitanova Marche avrà un prologo all’insegna del sociale e della solidarietà con gli eventi legati a ‘Casa Martina’, ossia la vendita del calendario ufficiale della Magnolia presso lo store del PalaVazzieri, dove sarà possibile dare un sostegno all’iniziative dell’Admo Molise (con un messaggio di sensibilizzazione per l’associazione dei donatori di midollo osseo dato dalle stesse giocatrici rossoblù e dallo staff tecnico attraverso una speciale t-shirt che sarà indossata durante il riscaldamento). Al termine, poi, tornerà il ‘terzo tempo’ – o ‘quinto quarto’ come definito nel reportage curato dal mensile specialistico ‘Basket Magazine’ – presso la club house dei #fioridacciaio nel centro cittadino.

Condividi: