CORONAVIRUS, LA MAGNOLIA ED ALTRI DICIANNOVE CLUB DI A2 CHIEDONO CHIAREZZA

C’è anche la Magnolia Campobasso tra i venti club dei ventinove della serie A2 (sei del girone sud e quattordici del Nord) che hanno firmato una lettera indirizzata al presidente della Lega Basket Femminile Protani ed al presidente della Federbasket Petrucci avente in merito richiesta di chiarimenti sul tema del Coronavirus. Nel merito, da parte della società, in vista del Consiglio federale straordinario della Fip in programma nel pomeriggio dalle 17, arriva una richiesta ben precisa: quella di sospendere il torneo sino al 3 aprile, in ossequio al Dpcm del 4 marzo.

Questo il testo della missiva.

Spett.le Federazione, Egr. Presidente

A seguito delle ultime disposizioni governative e federali riguardo le azioni di contenimento della diffusione del coronavirus ed allo svolgimento di allenamenti e campionati, ci preme far presente l’estrema difficoltà, se non impossibilità, al rispetto delle predette disposizioni onde consentire lo svolgimento delle attività agonistiche, ivi comprese appunto le sedute di allenamento e le gare di campionato. Nello specifico si evidenzia che l’ultimo decreto governativo (DPCM del 4.3.2020) dispone che lo svolgimento delle competizioni e delle sedute di allenamento non soltanto debbano essere svolte all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ma altresì che per tali attività (quindi sia competizioni che allenamenti) le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione tra atleti, tecnici, dirigenti e accompagnatori che vi partecipano.

Tale ultima disposizione, in assenza di specifici chiarimenti ma prendendo come riferimento i suggerimenti della FMSI, al momento non consente alle nostre associazioni di adempiere completamente agli adempimenti richiesti per poter procedere con la partecipazione al campionato o con le sedute di allenamento considerando le difficoltà di avere a disposizione “proprio personale medico”, in grado di seguire e rispettare con puntualità,  quei protocolli sanitari cui debbano comunque attenersi anche i medici incaricati per assicurare con continuità, negli allenamenti e in occasione delle gare  la salute di tutti i partecipanti ad ogni allenamento e ad ogni gara.

Si comprenderà che nell’impossibilità di affidare tale incarico a medici professionisti esterni all’Associazione che si assumano responsabilità senza limiti di tutela, gli organi dirigenziali delle scriventi Associazioni, non vogliano assumersi rischi di inadempimento a disposizioni governative in assenza di puntuali chiarimenti e/o protocolli da seguire dagli stessi organi di Governo del Paese o da parte degli organi federali su questo aspetto di controllo sanitario ante allenamento ed ante partita di campionato.

Riassumendo: avendo l’obbligo di giocare, perché affiliati e per non incorrere in sanzioni e squalifiche, non vogliamo assumerci ulteriori responsabilità. Basti pensare al messaggio non chiaro, secondo il quale i campionati regionali e giovanili sono stati sospesi, ma nei campionati nazionali, le stesse giocatrici dei settori giovanili e regionali, sono autorizzate a giocare. Ma secondo quale principio? Sarà sufficiente il primo contagio, o l’impedimento a giocare anche di una sola giocatrice perché vive in una zona diventata rossa, per inquinare la regolarità dei campionati. Dunque, non essendoci chiarezza nei protocolli da adottare per salvaguardare la salute pubblica di atlete e tesserati, né per gli allenamenti, né per le partite, chiediamo che venga sospeso il campionato almeno sino al 3 aprile, uniformandoci al  DCPM del 04/03/2020.

Ps: la situazione è ulteriormente aggravata dal DCPM dell’8 marzo 2020.

Si resta pertanto in attesa di cortese urgente riscontro al fine di poter programmare le attività o decidere di sospendere o meno ogni iniziativa sia per allenamenti che per la partecipazione alle gare.

In attesa dell’evolversi della situazione per entrambi i campionati nazionali, confidiamo in indicazione chiare, esaustive e in tempi rapidi rammentando che la salute dell’individuo viene prima di tutto e tutto passa in secondo piano, compreso il campionato.

Cordiali saluti.”

 

Le società firmatarie:

GSD Edelweiss Albino

ASD Pall. Sanga Milano

AD Basket Team Crema

ASD Basket Carugate

Basket 2000 San Giorgio Mantova A.Dil.

ASD Soc. Cestistica Spezzina

BC Castelnuovo Scrivia

Jolly ACLI Basket Livorno

Libertas Moncalieri

Scuola Basket Faenza

GS Basket San Salvatore

Giants Basket Marghera

Magnolia Basket Campobasso

Libertas Sporting Udine

ASD Pall. Femm. Umbertide

Alpo Basket 99

AS Dil Vicenza

Ponzano Basket

Basket Bolzano

Lupe San Martino AD

 

Condividi: